NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Nella riunione annuale del 4 aprile  2020 tenutasi in videoconferenza, l'associazione Venetostellato, associazione APS, avente come scopo la lotta all'inquinamento luminoso in Veneto, ha decretato all'unanimità una donazione alla Protezione civile della Regione Veneto del 60% del proprio bilancio a favore delle iniziative  per l'emergenza COVID-19. Nel contempo ha inviato all'Osservatorio Regionale Permanente sull'inquinamento luminoso un invito a sollecitare i comuni verso azioni di risparmio energetico tramite la riduzione dei flussi luminosi degli impianti di illuminazione pubblica e lo spegnimento anticipato dell'illuminazione monumentale e degli impianti non utilizzati . Si tratterebbe di segno responsabile e sostenibile delle istituzioni pubbliche verso i cittadini colpiti dalla pandemia non solo personalmente per il disagio dell'isolamento sociale e la perdita dei propri cari, ma anche economicamente per molte categorie. Il risparmio economico derivante da questa iniziativa potrebbe essere destinato proprio al sostegno della popolazione più debole colpita dalla crisi che continuerà purtroppo anche dopo la fine della pandemia.

L'associazione ricorda che la riduzione dei flussi luminosi degli impianti di illuminazione pubblica, è già prevista dalla LR 17/09 non oltre le ore 24, a partire dall’orario di prima accensione. Si evidenzia come i volumi di traffico veicolare e ciclopedonale nel periodo di lockdown siano diminuiti drasticamente, pertanto la riduzione proposta, anticipata all'orario del crepuscolo, risulterebbe pienamente rispondente alle norme tecniche, e quindi sarebbe garantita appieno la sicurezza della circolazione stradale e la sicurezza personale.